Protezione Civile Secondo me

Protezione civile vs. Ignoranza

«Voglio rivolgere anche a voi Italiane e Italiani un appello, senza retorica, che sorge dal mio cuore…, qui non c’entra la politica, qui c’entra la solidarietà umana, tutti gli Italiani e le Italiane devono sentirsi mobilitati per andare in aiuto di questi fratelli colpiti da questa sciagura».

Lo diceva il Presidente Sandro Pertini, in occasione del Terremoto d’Irpinia del 23 novembre 1980.

Roccafluvione (AP) - 26/07/2007

In quasi 16 anni di attività nella protezione civile come volontario, credo di aver visto quanto basta da poter dire di conoscere almeno un po’ l’argomento. In tutti questi anni ho visto cambiare notevolmente questo organo nazionale. E per la maggior parte degli aspetti, in modo positivo. Una cosa che però non ho visto cambiare quasi per niente è la conoscenza dei cittadini nei confronti di questa istituzione e delle sue componenti, in particolar modo per quello che riguarda i volontari. Quasi per niente dicevo, poiché solo in occasione di alcuni eventi drammatici recenti di carattere nazionale, c’è stata la possibilità, purtroppo, di mostrare l’operato dei volontari. Che però, il loro lavoro gratuito lo fanno tutto l’anno e in diverse circostanze (previsione, prevenzione, soccorso). E, attenzione, i volontari non lo fanno per chissà quale intento di protagonismo o esibizionismo, se non in rarissimi casi (per fortuna).

L’identità del volontario è, più che altro, caratterizzata dalla voglia di aiutare il prossimo, in modo organizzato e professionale. E in modo del tutto gratuito.

Fare il volontario di protezione civile non è un lavoro, ma un’attività personale tesa alla solidarietà e all’altruismo. So per esperienza che capitano di tanto in tanto aberrazioni di questo concetto da parte di alcune, poche, associazioni. Spesso, fortunatamente vengono isolate e stroncate.

I volontari di protezione civile sono cittadini come gli altri che, quando chiamati, lasciano il loro posto di lavoro, la loro famiglia, la tranquillità di rimanere al sicuro, per portare aiuto ad altri cittadini in difficoltà. Non mi sembra un fatto da poco.

Diverso è se parliamo di dirigenti, politici e politica e anche giornalisti, che contribuiscono spesso a distorcere il concetto di volontariato, contribuendo alla disinformazione e strumentalizzando un risorsa che hanno scoperto essere molto forte.

Le critiche sono, ovviamente, ammesse, se utili a migliorare. Ma mai, e ripeto mai, potrò accettare le offese ingiuriose di persone che nulla conoscono di questo mondo, nei confronti dei volontari. E lo dico prima di tutto da cittadino, poi da volontario.